martedì 29 luglio 2014

dedicato a Lara



Vicolo: una croce di case
Che si chiamano piano,
e non sanno ch’ è paura
di restare sole nel buio.


(di Salvatore Quasimodo)



                                                     Solo in rare ore di pace
talvolta si avvicina la giovinezza
a me, timido pallido ospite,
e geme e sul cuore mi preme...

(di Hermann Hesse)



martedì 8 luglio 2014

Pomeriggi d'estate


Quei giorni azzurri (3)


Quei giorni azzurri e quel sole d'infanzia

(Antonio Machado)


Quei giorni azzurri



Quei giorni azzurri e quel sole d'infanzia

(Antonio Machado)

Quei giorni azzurri



Quei giorni azzurri e quel sole d'infanzia

(Antonio Machado)

Martedì 8 luglio

La notte scorsa è piovuto e, come sempre, me ne sono accorta solo stamattina.
Ieri, con Giovanni, abbiamo cercato auto usate, ma non ne abbiamo trovate.
Alice sta ancora distribuendo volantini per il ristorante dove lavora.
Stamattina c'era il sole, ma ora si è rannuvolato. Mi piacerebbe andare per un po' a Cesenatico.
Ho sempre amato la spiaggia deserta in queste giornate dove la sabbia è compatta, dopo la pioggia, e si respira così bene l'odore del mare, mare grigio come tutto il giorno intorno.
Sto bene anche qui, non voglio sentirmi ingrata.


lunedì 7 luglio 2014

"C'era una stella sola e limpida nel cielo colore di rose, un battello lanciò un addio sconsolato, e sentii in gola il nodo gordiano di tutti gli amori che avrebbero potuto essere e non erano stati."

(Gabriel Garcia Marquez-  Memoria delle mie puttane tristi)

Gabriel Marcia Marquez


Fotografia e Alice

E' fuori discussione che mi sia accostata alle foto d'autore, per via di Alice.
Preparava un esame universitario e io l'ascoltavo ripetere. Doveva saper riconoscere centinaia di fotografi, attraverso le loro foto. Per me fu sconvolgente vedere come le riconosceva tutti.
Infatti prese poi 30 con lode.

Robert Doisneau - Musicista sotto la pioggia

Robert Doisneau

"Quello che io cercavo di mostrare era un mondo dove                  
mi sarei sentito bene, dove avrei trovato la tenerezza
che speravo di ricevere.
Le mie foto erano come una prova che questo mondo
può esistere"
(Robert Doisneau. 1912-1994)
                                                            



domenica 6 luglio 2014

Ritratto in seppia

La macchina fotografica è uno strumento semplice, anche il più stupido può usarla, la sfida consiste nel creare attraverso di essa quella combinazione tra verità e bellezza chiamata arte. E’ una ricerca soprattutto spirituale. Cerco verità e bellezza nella trasparenza d’una foglia d’autunno, nella forma perfetta di una chiocciola sulla spiaggia, nella curva d’una schiena femminile, nella consistenza d’un vecchio tronco d’albero e anche in altre sfuggenti forme della realtà.
                                                     Isabel Allende, Ritratto in seppia, 2001

Luci e ombre

Non abbiate mai paura dell’ombra. E’ li a significare che vicino, da qualche parte, c’è la luce che illumina.

(Ruth E. Renkel)





Convolvoli e rose


Domenica

Oggi è domenica. La prima domenica di Luglio. Sono le otto, ma sembra che qui intorno - nelle case vicine - dormano ancora tutti. E' una bella domenica soleggiata e calda.
Penso, come sempre a mia figlia, il grande amore della mia vita.

Per lei questi colori, che forse non le piaceranno, ma danno allegria ...



Natura e meraviglia

"Meravigliamoci sempre, come fosse la prima volta, dello splendore del sole, del fiorire delle primavere e della bellezza di paesaggi profumati dagli alberi, dalle rocce, dal cielo con le sue nubi e dai mari"

(Italo Bertolasi - "Fitness nella natura")





sabato 5 luglio 2014

Tempo d'estate

Miagolano i gatti nei cortili.
E' tempo d'estate, signori, è tempo d'estate.




"Ciò che ammazza un giardino non è l'abbandono. Ciò che ammazza un giardino è questo sguardo di chi passa indifferente."

(Mario Quintana)


Ricordi e profumi

Ricordi e profumi 

"Basta sfiorare il filo teso di un profumo che i ricordi  risuonano immediatamente"   

"Tra i cinque sensi l'olfatto è considerato il senso della gioia di vivere.

Cassetti profumati, erbe essiccate, sacchettini di lavanda, il profumo del pane in forno o di una torta, la chimica di un dopobarba, l'odore salmastro del mare , quello inebriante del tiglio in fiore ...

È una memoria nella nostra vita, quella che forse, più della scrittura, ci permette di conservare il passato.

Anche se siamo distratti o preoccupati, un odore può raggiungerci e farci ritornare indietro, dentro quel passato che è pronto a riemergere se solo lasciamo socchiusa la porta.
(Diane Akmann)

Realtà fotografata


Ultimamente, adoro soffermarmi su alcune fotografie, a caso, prese dal web....
Trovo spesso, nostalgia, desiderio, rimpianto e, soprattutto immediatezza di sensazioni.
Aggiungo di essere una dilettante, nel caso, improbabile, mi leggesse mia figlia.

"E come un sussurro tra le messi, ha inizio il giorno estivo"




La vera felicità, l'euforia dell'estate, è per me, al suo inizio - quando i campi di grano cominciano ad imbiondire e arrivano i papaveri.

Amo tutti i mesi dell'estate, ma quando i campi di grano sono stati mietuti, se ne va l'euforia, rimanendo la gioia per questa stagione.
"Riley fu il primo a svegliarsi e svegliò anche me. 
Tre stelle mattutine svanivano all'orizzonte, nella porpora del sole nascente; la rugiada imperlava le foglie, i merli si levavano in fitta schiera per volare incontro alla luce che si faceva sempre più intensa_."


Tratto da "L'*Arpa d'erba*" di Truman Capote - ed. Garzanti (1981)




"Staremo insieme nella nostra tana di orsi e scoiattoli, e insieme vivremo di miele e di noci"

John Osborne





Prima colazione



Da bambina, mia figlia Alice, in estate, metteva tutto il suo impegno, affinché facessimo colazione in giardino. Preparava i menù, da lei disegnati e scritti - e in tre, noi tre, facevamo colazione in giardino.
Le ho ricordato questa mia memoria ultimamente e lei mi ha spiegato qualcosa che non mi era venuto in mente, un suo motivo,  diverso da quanto ritenevo io.
Purtroppo non lo ricordo...

C'erano anche le colazioni all'aperto a Gabicce Monte, su una grande terrazza da cui si scorgeva il mare.

Mattine

"Tutte le mattine lei lascia i sogni nel letto, si sveglia e indossa i suoi vestiti di vita"

(Clarice Lispector)


Maturità 2014

"Forse è un segno vero della vita: intorno a me fanciulli con leggeri moti del capo danzano in un gioco di cadenze e di voci lungo il prato della chiesa..

Pietà della sera, ombre riaccese sopra l’erba così verde, bellissime nel fuoco della luna!


Memoria vi concede breve sonno: ora, destatevi. Ecco, scroscia il pozzo per la prima marea.


E tu vento del sud forte di zàgare, spingi la luna dove nudi dormono fanciulli, forza il puledro sui campi umidi d’orme di cavalle, apri il mare, alza le nuvole dagli alberi: già l’airone s’avanza verso l’acqua e fiuta lento il fango tra le spine, ride la gazza, nera sugli aranci”.


(Salvatore Quasimodo)



zagare, fiori dei limoni in Sicilia

Bassa marea

Bassa marea

venerdì 4 luglio 2014

Ortensie

Quando ci fu la preparazione, nella mia famiglia (che poi era mia madre ad occuparsene - per volontà sua) della festa per la mia prima Comunione, mia madre, d'accordo con mio zio Marino, chiamò una ditta che noleggiava piante.
Mi ricordo tantissime ortensie, belle davvero.
Anni dopo il tentativo di mettere ortensie nel nostro giardino di Bologna, fu poco riuscito: le ortensie, all'ombra degli abeti, rimanevano di un colore verdognolo...
Mia madre provò ad aggiungere diverse polverine, azoto, ferro, senza successo.

Vedevo invece ortensie in abbondanza, rosa di solito, in campagna. Tanto che associai questi fiori ai contadini, da me, allora, giudicati rozzi e furbastri, nonché di cattivo gusto.

Il tempo cambia tante cose e ora mi ritrovo ad ammirare questi fiori, ma - ironia della sorte - a mio marito non piacciono...


Più rompiamo i nostri schemi mentali, più costruiamo la nostra felicità. 



California


L’amore infantile segue il principio: amo perché sono amato. L’amore maturo segue il principio: sono amato perché amo. L’amore immaturo dice: ti amo perché ho bisogno di te. L’amore maturo dice: ho bisogno di te perché ti amo.

E. Fromm 

La campagna appena ieri


Il mattino ha l'oro in bocca, dice un proverbio contadino, e adesso alzarsi presto non disturba, anzi, si gode l'aria fresca e il mondo sembra anche più bello.....

Alma mater studiorum

Per Bologna, ci sarebbero tante storie da raccontare sulla sua università, mi limito però a questa foto.



Dall'America all'Inghilterra

Sempre a proposito di Università, in Inghilterra, penso che le più famose siano quelle di Oxford e di Cambridge.

Wikipedia, relativamente a Oxford, scrive:

La data di fondazione dell'università è incerta e potrebbe essere avvenuta a più riprese in diverse occasioni, ma esistono prove della presenza di un centro di studio e insegnamento almeno a partire dal 
1096. Quando Enrico II d'Inghilterra proibì agli studenti inglesi di studiare all'Università di Parigi nel 1167, Oxford cominciò a crescere molto rapidamente. La fondazione della prima delle residenze per gli studenti, che più tardi presero il nome di 'college', risale a tale periodo o agli anni successivi. A seguito dell'esecuzione capitale di due studenti accusati di aver commesso dei crimini nel 1209, l'università fu smantellata, dando origine alla fondazione dell'Università di Cambridge. Il 20 giugno 1214 l'università tornò a Oxford.
Oxford University

Sempre seguendo Wikipedia, a proposito di Cambridge, si legge:

Università di Cambridge
 è la seconda per anzianità delle università del Regno Unito, dopo quella di Oxford, e la quarta in Europa. Situata nell'omonima città dell'Anglia orientale, è considerata fra i migliori centri universitari britannici e mondiali; ospita quasi 20000 studenti e più di 5000 fra ricercatori e professori. Secondo la leggenda venne fondata da alcuni studenti nel 1209, dopo essere fuggiti da Oxford a seguito di una lite coi locali: tradizionalmente fra le due istituzioni, collettivamente conosciute con la dizione Oxbridge, esiste una forte rivalità accademica e non solo, come testimoniato dalla celeberrima regata.
Università di Cambridge



Il pensatore

E questa è una Università americana. Mi chiedevo da un po' chi raffigurasse la statua.. e scopro ora che è semplicemente un pensatore.
Sempre democratica l'America in apparenza... Al di fuori della politica ecc..., a me l'America piace, comunque.

Freeanimals: La favola atroce e moderna del lupo e dell'agnello...

Freeanimals: La favola atroce e moderna del lupo e dell'agnello...: Testo di Fabrizio Belloni   In questi giorni i media sono stracolmi di articoli, foto, commenti sulla atroce vicenda dei tre allievi...

Alice e i bambù

Tempo fa ero con Alice dentro una banca e da una finestra vedevo o mi sembrava di vedere un boschetto di bambù, più o meno, come questo nella foto.



giovedì 3 luglio 2014

Mille splendidi soli


"Vedete, ci sono cose che vi posso insegnare io, altre che potete imparare dai libri.
Ma ci sono cose che, beh, bisogna vedere e sentire."


(Khaled Hosseini - “Mille splendidi soli”)



Vienna e Freud


Tra le molte cose da visitare a Vienna c'è anche la casa-museo di Sigmund Freud.


La casa dove visse Sigmund Freud dal 1891 al 1938, al primo piano della Berggasse è stata trasformata in un museo sulla vita del famoso psicanalista. Nella casa sono raccolti diversi documenti, foto, cimeli e oggetti antichi che egli amava collezionare.

Manca il divano sul quale il professore faceva distendere i suoi pazienti: è finito a Londra (vedi la foto in basso) dove egli si rifugiò con la moglie nel 1938, dopo le prime perquisizioni naziste e dove morì nel 1939. È però conservata quasi intatta la sala d'aspetto con le poltroncine di velluto e altri mobili donati al museo dalla figlia Anna.

In una saletta con video si possono vedere i rari film ancora conservati di Sigmund Freud e della sua famiglia. In questa casa, precedentemente abitata dal leader socialdemocratico Victor Adler, si tennero le sedute della prima Società psicoanalitica; in queste stanze Freud scrisse molte delle sue opere, tra cui “L'interpretazione dei sogni”.


Da http://www.viaggio-in-austria.it/freud-vienna.html




l divano che Freud usò per le sue analisi, oggi conservato al museo di Freud a Londra
foto:  
www.bartlebycafe.comAggiungi didascalia

Summer


Foto di Marina Molnar







Eravamo insieme,
tutto il resto del mondo
l'ho scordato

Walt Whitman

Infanzia e solitudine





"Fin da bambino io ricercavo la solitudine, e mi trovavo meglio là dove potevo abbandonarmi indisturbato a me stesso. 

E ciò avveniva di solito nell'aperto tempio della natura, dove gustavo le gioie più vere" 

(Nietzsche 1858, 15)

Montmartre, Paris - France 1910


Lezioni d'amore

"La separatezza è bella ma l'unione con qualcuno al di fuori di noi è ancora più bella.
La nostra vita quotidiana richiede sia unione sia distanza, l'interezza del Sé, l'interezza dell'intimità."

Così scrive Judith Viorst nel suo libro "Distacchi" - da cui estrapolo ancora qualcosa.


"Nostra madre - la nostra prima amante - ci impartisce le prime lezioni d'amore.
Lei è il nostro soccorso e riparo. Lei è la nostra sicurezza. Nostra madre ama senza limiti senza condizioni, disinteressatamente e senza aspettative. Vive per noi. ...

Madre

Ma cosa stiamo dicendo?

Perché certamente la nostra madre in carne e ossa non era così. Lei si stancava, si risentiva, si lamentava. Amava altre persone e non sempre ci amava, e ci devono essere state occasioni in cui l'abbiamo fatta annoiare, indispettire o arrabbiare.
[...]

Ma quando la madre dell'unicità diventa la madre della separazione, impariamo i limiti dell'amore.
Impariamo i prezzi da pagare, i prezzi che non possiamo pagare, il fatto che l'amore qualche volta ci può mancare.

Come se la felicità fosse un luogo


"Stavo ricordando quanto eravate felici sul ponte di Sagamore, come cantavate That Olde Cape Magic E quanto infelici eravate nello stesso punto al ritorno."

Come se la felicità fosse un luogo. 


Da "La magia dell'ultima estate" Di Richard Russo 


Tramonto del 2 luglio


Foto di Maria Varga

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Visualizzazioni totali